Comune di Aprigliano - Sito Ufficiale
 

Sono due i canti tradizionali apriglianesi ossia la canzone "Aprigliano" e 'A Rrina

Aprigliano

La canzone di Aprigliano. I versi che seguono, dedicati ad Aprigliano, sono stati scritti da un anonimo cantore “straniero” che ai tempi del secondo conflitto mondiale amava frequentare il nostro paese e tenere spettacoli in piazza. Il testo, rinvenuto nei secondi anni ’70 a Corte, nell’abitazione del compianto avvocato Luigi Cribari, è stato così piacevolmente arrangiato da alcuni musicisti locali, da essere riconosciuto in poco tempo come l’inno di tutti gli apriglianesi.

APRIGLIANO

Quando silente scende giù la sera,
dolce Aprigliano tra mille colori,
il sole lentamente se ne muore
e dalla Cona di Guarno fa incantar.
 
Sussurra un motivo languido il fiume Crati,
baciando le foglie verdi dei castagneti,
il ciel vuole accarezzar la montagna alata
e intanto felice un cuor va tra i suoi pineti.
 
La luna s’incanta quando quasi ogni sera,
contento un apriglianese sente cantar:
Aprigliano, Aprigliano
sei la stella di Paganella sotto il ciel sereno;
Aprigliano, Aprigliano
sei la stella di Paganella sotto il ciel sereno.
 
Una campana all’alba festeggiava,
la san domenica entra nei cuori,
quel dolce suon che invita alla preghiera,
tutti gli apriglianesi fa sognar.
 
Sussurra un motivo languido il fiume Crati,
baciando le foglie verdi dei castagneti,
il ciel vuole accarezzar la montagna alata
e intanto felice un cuor va tra i suoi pineti.
 
La luna s’incanta quando quasi ogni sera,
contento un apriglianese sente cantar:
Aprigliano, Aprigliano
sei la stella di Paganella sotto il ciel sereno;
Aprigliano, Aprigliano
sei la stella di Paganella sotto il ciel sereno.
Aprigliano … chi ti potrà scordar. 
 

'a rrina

‘A rrina

Ancora oggi, durante le feste natalizie, per le strade di Aprigliano, non è insolito sentire cantare ‘a rrina. Composta da versi in rima, in tipico dialetto apriglianese, con il fondamentale  accompagnamento del “saziere” (mortaio) e di altri caratteristici e popolari strumenti musicali, quali la chitarra, la fisarmonica e il mandolino. I cantori si recano fuori la casa prescelta e in segno di pace e di buon augurio per il nuovo anno intonano la strina. Al termine, per riconoscimento, gli abitanti della casa offrono ospitalità e cibo.

Simu arrivati ccari chianu chianu, 
boni venuti tutti ar Apriglianu.
 
Forza cumpagni ccu ssu biellu cantu,
ca simu du paise e Duonnu Pantu.
 
Ssu paisiellu ch’è ‘n faccia alla luna,
chi Dio ne manni na bona furtuna.
 
‘Ntra munti, iumi e llu lagu Arvu,
boni venuti tutti alla chiazza e Guarnu.
 
Intra ssa chiazza nue vulimu cantare
e dedicare a tutti ssa rrina speciale.
 
Rrina rrinella ohi cchi cosa bella,
simu alli pieri de la Paganella.
 
Nascia lu bumminiellu ‘ntra la paglia,
scusate amici miei s’ancunu sbaglia.
 
E llu salutu nùorru ve purtamu,
è ‘nn’agùriu sinceru ar Apriglianu.
 
Ssa rrina ve vulimu cuncertare,
ca miegliu e nue nullu v’a sa fare.
 
Nun bbe criditi ca nue simu assai,
ca simu trentatrie e llu cantature.
 
Cantanu le fimmine e llu quatrariellu,
ppe n’abbuscare ssu biellu cistiellu.
 
Vatta murtaru e tu chitarra sona,
ch’arriva tutta chissa gente bona.
 
Chi Dio ne manni tantu uogliu e mmustu,
quantu ne curra Crati lu mise ‘e agustu.
 
Canta lu gallu e scuotula la cura,
ve damu ‘a bonasira a vue signuri.
 
Agùri, agùri assai e longa vita,
ve salutamu a tutti ca la rrina è finita.